caricamento

Pubblicizza la tua attività su Stansted Express

Lo Stansted Express trasporta più di sei milioni di passeggeri l’anno. La durata media del viaggio tra l’areoporto di Stansted e la stazione Liverpool Street di Londra è di 47 minuti, e offre l’opportunità di far arrivare il tuo messaggio a una platea internazionale e influente.

Lavoriamo con tre partner pubblicitari. Contattali per ulteriori informazioni.

 

JCDecaux logo

 

JCDecaux è leader di mercato nel settore della pubblicità ferroviaria. I passeggeri dei treni sono persone molto occupate e spettatori di televisione non impegnata, con un’ottima disponibilità finanziaria. Le ricerche dimostrano che la pubblicità sui treni fornisce la perfetta opportunità per catturare questo target, solitamente difficile da raggiungere, nel momento in cui sono più disponibili e ricettivi a tali messaggi. La JCDecaux offre un’ampio range di formati e può organizzare stand o distribuzione di volantini in grado di soddisfare le diverse esigenze di comunicazione sullo Stansted Express e nelle stazioni della Greater Anglia.

Per ulteriori informazioni contatta JCDecaux:

 


KBH logo

KBH è leader di mercato per la pubblicità a bordo dei treni. Grazie a display d’impatto in punti con solitamente un elevato tempo di esposizione al pubblico, riesce ad offrire spazi pubblicitari estremamente accattivanti.

Per ulteriori informazioni contattare Ian Reynolds:


ukmedia logo

 

Abbiamo il privilegio di essere i fornitori ufficiali degli schermi informativi dello Stansted Express e della Greater Anglia, sistemati in modo da garantire la massima visibilità in ogni stazione. Metà dell’area dei pannelli mostra informazioni al cliente dello Stansted Express e della Greater Anglia, per attirarlo verso il display. L’altra metà è disponibile a uso promozionale, fino a un massimo di otto attività locali, che possono trarre beneficio dalla combinazione di misure, stazioni e messaggi differenti.

Per approfittare di questa unica opportunità per promuovere il suo business, contatti Ron Mayne: